Bonus dispositivi e seggiolini antiabbandono: come ottenere i 30 Euro

Da poco il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti e il Ministro dell’Economia e delle Finanze hanno firmato il decreto che “disciplina le modalità di attribuzione del contributo per l’acquisto o per il rimborso di parte del costo sostenuto per l’acquisto dei dispositivi antiabbandono (…)”.

Valore del bonus antiabbandono

Il bonus antiabbandono, come previsto, è pari a 30 Euro. Esso costituisce una sorta di sconto sul prezzo di acquisto. 

Qualora il costo del seggiolino dovesse essere inferiore a 30 euro, il bonus antiabbandono sarà erogato in misura corrispondente all’intero prezzo pagato.

Forma del bonus antiabbandono

Il bonus antiabbandono sarà emesso sotto forma di un buono di spesa elettronico, salvo i casi di rimborso di cui si dirà più avanti.

Caratteristiche del bonus antiabbandono

Il bonus è collegato ed erogato in relazione al codice fiscale del minore di quattro anni, destinatario del dispositivo.

Il bimbo, pertanto, avrà diritto ad un solo dispositivo. Il bonus non si applica, quindi, all’acquisto di più dispositivi per lo stesso bambino.

Durata del bonus antiabbandono

Il bonus ha una durata di trenta giorni  dalla relativa erogazione. 

Qualora non fosse utilizzato in questo periodo, esso sarà annullato ed il richiedente dovrà presentare una nuova istanza con realizzazione di un nuovo e separato iter di approvazione. 

Modalità di richiesta del bonus antiabbandono

La richiesta deve essere formulata da uno dei due genitori o dall’esercente la patria potestà. 

In linea generale, la domanda va presentata prima di acquistare il dispositivo, attraverso la piattaforma presente sul sito di Sogei o del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. 

Per questo  occorre possedere l’identità digitale SPID (sistema pubblico per la gestione dell’identità digitale). Attraverso di essa il richiedente dovrà registrarsi alla piattaforma ed inserire il codice fiscale del minore che sarà associato al dispositivo. 

Il  minore interessato non dovrà aver ancora compito i quattro anni al momento della registrazione.

Quando va presentata la domanda

La domanda può essere presentata a partire dal 20 febbraio 2020, giorno in cui sarà  attivata la piattaforma. 

Essa consiste nella richiesta del bonus, unitamente alla dichiarazione allegata ai sensi del DPR 445/2000 di attestazione genitoriale o di esercizio della patria potestà del minore.

Dove acquistare il seggiolino

Al fine della possibilità concreta di utilizzare il bonus emesso in favore del richiedente, il seggiolino deve essere acquistato presso le strutture, gli esercenti e gli enti registrati presso la piattaforma di registrazione. 

A tale scopo, essi saranno indicati in un apposito elenco consultabile attraverso l’applicazione web.

Caso particolare: il caso dell’acquisto del seggiolino già effettuato prima del 20 febbraio 2020

Anche questa ipotesi darà diritto al rimborso. 

In tali casi, la domanda di rimborso va presentata sempre attraverso la medesima piattaforma entro 60 giorni dalla sua attivazione, prevista per il 20 febbraio 2020.

La richiesta va inviata con allegati gli scontrini fiscali o fatture comprovanti l’acquisto.

Nel caso in cui lo scontrino o la fattura non contenesse la dicituradispositivo anti-abbandono”, al richiedente è riconosciuta la possibilità di compilare l’apposito modello presente sulla piattaforma, autocertificando che la spesa è relativa all’acquisto di un seggiolino o dispositivo anti-abbandono.

In simili ipotesi, il bonus sarà rimborsato attraverso un accredito in conto corrente sull’IBAN fornito in sede di presentazione della domanda di rimborso.

Le sanzioni

Le sanzioni entreranno a regime a partire dal 6 marzo 2020.

Per maggiori informazioni è possibile contattarci e/o consultare l’articolo Dispositivi antiabbandono operativi dal 7 novembre.

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Lascia un commento