Come trasformare un’area indivisa condominiale in parcheggio.

Dopo aver affrontato i collegati temi della proprietà indivisa condominiale e della modifica della destinazione d’uso delle parti comuni condominiali, anche su indicazione dei nostri Utenti, abbiamo deciso di trattare in breve lo specifico tema della trasformazione di un’area condominiale indivisa con necessità di modifica della destinazione d’uso originaria in quella di parcheggio.

Caso concreto.

L’ipotesi posta riguarda un’area del condominio che da sempre costituiva zona indivisa ad utilizzo decorativo del condominio medesimo (tipo giardino retrostante o antistante).
Sul punto, alcuni condomini si sono chiesti se e come tale area potesse essere trasformata in parcheggio

Di seguito, si darà risposta a tale domanda, pur se senza pretesa di completezza.

Risposta in breve.

Per dare una soluzione generale a tale ipotesi, che si consiglia però di approfondire caso per  caso, occorre prima valutare cosa si intenda ottenere in concreto.

Prima ipotesi.

Qualora si desideri ottenere la trasformazione dell’area condominiale indivisa in parcheggio condominiale di uso comune basterà seguire la procedura di modifica della destinazione d’uso. Occorre però notare come tale trasformazione sarà possibile solo in presenza di accordo tra tutti i condomini in merito alla nuova tipologia di utilizzo. 

In simili ipotesi, la conseguenza è che l’area rimarrà indivisa. L’utilizzo generato sarà in modalità sharing, salvo la possibilità di assegnare l’utilizzo di un posto o di un altro al singolo condomino. Quest’ultimo, dunque, comunque non acquisirà alcun diritto di proprietà rispetto al posto auto medesimo.

Seconda ipotesi.

Qualora, invece, lo scopo sia quello di conseguire la proprietà vera e propria di un parcheggio, partendo da un’area condominiale indivisa con destinazione d’uso differente, occorrerà procedere come segue.

In linea generale, da approfondire caso per caso, anzitutto sarà necessario previamente modificare la destinazione d’uso e, successivamente, dividere la zona indivisa

Appare evidente come questa seconda ipotesi sia più complessa da un punto di vista procedurale. Inoltre, essa impone di porre particolare attenzione ad accessi ed uscite dall’area ed all’eventuale necessità di costituire servitù, onde evitare, dimenticando tale aspetto, di non poter entrare o uscire dal parcheggio costituito.

Per maggiori informazioni si consiglia di contattarci.

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Lascia un commento