Reddito di cittadinanza: a chi spetta e requisiti

Ed ecco che in questi giorni è stato approvato il maxi emendamento alla legge di bilancio, contenente anche il tanto discusso reddito di cittadinanza. 

Il passo successivo? Ecco come beneficiarne.

A questo punto occorre comprendere il contenuto della bozza di decreto legge in materia di reddito di cittadinanza. In base ad essa, infatti, esistono vari requisiti da soddisfare al fine di poter presentare domanda ed essere riconosciuti eventualmente fruitori di questa nuova misura economica. 

La bozza di decreto richiede di essere in possesso della cittadinanza italiana o di paesi facenti parte dell’Unione europea, oppure di essere titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente. Sono poi ammesse ulteriori casistiche relative a convenzioni bilaterali di sicurezza sociale, ovvero a paesi terzi in possesso del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo.

Inoltre, occorre essere residenti in Italia da almeno 10 anni al momento della presentazione della domanda. Di essi, gli ultimi due devono essere stati continuativi.

Requisiti economici.

Il testo normativo passa poi ai requisiti di reddito e di patrimonio.

Anzitutto, è prescritto che il nucleo familiare deve possedere un valore dell’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE) inferiore a 9.360 Euro

In aggiunta ed unitamente a ciò, il valore del patrimonio immobiliare dovrà corrispondere ad un valore ISEE  non superiore ad una soglia di 30.000 Euro. In tale importo non sarà rilevante l’abitazione principale.

Inoltre, il patrimonio mobiliare, come definito a fini ISEE, non dovrà superare la una soglia di 6.000 Euro, “accresciuta di euro 2.000 per ogni componente il nucleo familiare successivo al primo, fino ad un massimo di euro 10.000, incrementato di ulteriori euro 1.000 per ogni figlio successivo al secondo; i predetti massimali sono ulteriormente incrementati di euro 5.000 per ogni componente con disabilità, come definita a fini ISEE, presente nel nucleo“.

Quanto al reddito familiare, esso dovrà essere inferiore ad una soglia di euro 6.000 annui. Questo di base. Poi il decreto prevede anche possibili incrementi e calcoli particolari per casistiche specifiche. 

La stretta sui  beni durevoli: i veicoli.

Il decreto aggiunge l’ulteriore requisito per cui nessun componente del nucleo familiare deve essere intestatario a qualunque titolo, né deve avere la piena disponibilità di autoveicoli  o motoveicoli entro certi limiti di tempo quanto all’immatricolazione ed entro determinati target di cilindrata

Stesso dicasi relativamente alla proprietà o piena disponibilità di navi e imbarcazioni da diporto, che non saranno in alcun caso ammesse. 

L’ipotesi dello stato di detenzione.

Per tutta la durata della pena, i soggetti che si trovano in stato detentivo, nonché coloro che sono ricoverati in istituti di cura di lunga degenza o altre strutture residenziali a totale carico dello Stato o di altra amministrazione pubblica, non potranno accedere alla misura.

L’ipotesi delle dimissioni volontarie. 

Anche coloro che hanno tra i componenti del nucleo soggetti disoccupati a seguito di dimissioni volontarie nei dodici mesi successivi alla data delle dimissioni, non avranno diritto a tale misura. Sono fatte salve le dimissioni per giusta causa.

Come si determinerà il nucleo familiare ai fini della spettanza del reddito di cittadinanza.

E’ previsto che si applichi l’articolo 3 del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 159 del 2013. In aggiunta, inoltre, i coniugi permangono nel medesimo nucleo familiare anche a seguito di separazione o divorzio, qualora continuino a risiedere nella stessa abitazione.

Inoltre, il figlio maggiorenne non convivente con i genitori fa parte del nucleo familiare dei genitori esclusivamente quando “è di età inferiore a 26 anni, è nella condizione di essere a loro carico a fini IRPEF, non è coniugato e non ha figli“.

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Lascia un commento